Gino Cervi

(Primo commissario di Polizia Giudiziaria Jules Maigret)

 

Figlio di Antonio Cervi, critico teatrale del “Resto del Carlino”, Gino Cervi (Luigi) nasce a Bologna il 3 maggio 1901. Appassionato di teatro sin da piccolo, esordisce ventenne in una compagnia filodrammatica, e nel 1924 debutta ufficialmente come attor giovane ne “La vergine folle” di Bataille, a fianco di Alda Borelli.

Sempre come attore giovane, nel 1925 passa al Teatro d’Arte di Roma, il cui direttore è allora lo scrittore Luigi Pirandello. Dopo un decennio di intense esperienze, diventa primattore della compagnia Tofano-Maltagliati (1935-1937). Nel 1938 entra a far parte della compagnia semistabile del Teatro Eliseo di Roma, di cui assumerà la direzione nel 1939.

Gino Cervi : fotografia autografataIl suo aspetto imponente e austero, il suo stile elegante ed incisivo, la sua voce profonda e suggestiva, e la sua pronta comunicatività, lo rendono uno dei più apprezzati interpreti di Goldoni, Sofocle, Dostoevskij e soprattutto di Shakespeare (la sua interpretazione dell’ “Otello” è considerata memorabile).

facciaDal 1932 Gino Cervi passa quasi stabilmente al cinema, diventando uno dei divi più popolari, grazie soprattutto al regista Alessandro Blasetti, che lo dirige in “Ettore Fieramosca” (1938), “Un’avventura di Salvator Rosa” (1939), “La corona di ferro” (1941), “Quattro passi fra le nuvole” (1942), film dai toni neorealisti in cui interpreta un commesso viaggiatore che aiuta una povera ragazza nubile e incinta, e “Fabiola” (1948).

Negli anni ’50 e ’60 è il bonario e sanguigno interprete del personaggio del sindaco Peppone nella fortunata serie di film su Don Camillo (personaggio creato da Giovanni Guareschi), al fianco di Fernandel nella parte dell’agguerrito prete (“Don Camillo”, 1952; “Don Camillo e l’onorevole Peppone”, 1955; “Don Camillo monsignore… ma non troppo”, 1961; ecc…).

Gino Cervi possiede un volto bonario, che trasmette simpatia, ma ha anche interpretato ruoli di cattivo, come il gerarca fascista de “La lunga notte del ’43 ” (1960) di Florestano Vancini.

Una rinnovata notorietà gli verrà dalla televisione con il primo ciclo degli episodi de “Le inchieste del commissario Maigret” (1964), tratto dai romanzi dello scrittore belga Georges Simenon, in cui l’attore dà vita con sobria intensità al personaggio del perspicace e sornione ispettore Maigret. Un secondo ciclo andrà in onda nel 1966, e un terzo nel 1968; il commissario transalpino dal fiuto infallibile tornerà sui teleschermi per l’ultima volta nel 1972 con l’episodio finale della lunga serie dal titolo “Maigret in pensione”. Il successo del personaggio è tale che la serie viene trasmessa anche in Francia, dove il pubblico apprezza soprattutto la mitezza casalinga del Maigret di Cervi.

“Fratello ladro” (1972) sarà la sua ultima fatica cinematografica, due anni prima della sua scomparsa, avvenuta a Punta Ala, in provincia di Grosseto, il 3 gennaio 1974. Versatile e comunicativo, Gino Cervi è stato tra gli attori italiani più noti e significativi per l’accattivante carisma scenico, la serietà del suo lavoro e l’impegno costante dimostrato in oltre quarant’anni di carriera.

 

Articolo tratto  da www.biografieonline.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...