Maigret e L’Affare Picpus

Parigi, 13 agosto, caldo torrido.
Al Quai des Orfèvres si presenta un certo Josef Mascouvin che denuncia al commissario Maigret di avere letto in circostanze fortuite su di un foglio di carta assorbente in un locale pubblico, la frase :
“Domani pomeriggio alle ore 17 ucciderò la chiromante.”
Firmato Picpus

il giorno successivo Maigret decide di far sorvegliare tutte le chiromanti di Parigi tuttavia alle 17 Jean, una chiromante di Rue Coulaincourt non iscritta nell’elenco ufficiale, viene assassinata con due coltellate nella schiena.

Chiuso a chiave nella cucina dell’appartamento di Jean, Maigret scopre in stato confusionale, l’anziano signor Octave Le Cloaguen incapace di dare una spiegazione…

Prende il via così una delle più belle e appassionanti inchieste del commissario Maigret che, per trovare la soluzione, dovrà veramente sudare sette camicie.

Tratto dal romanzo di Georges Simenon “Signè Picpus” del 1941 lo sceneggiato fu trasmesso dalla RAI in tre puntate il 10, il 15 e il 17 gennaio 1965 come secondo episodio della prima serie de ‘Le inchieste del Commissario Maigret’ e raggiunse punte di oltre 12 milioni di spettatori, un vero record per l’epoca.


In questa piccola sequenza la parte finale dell’interrogatorio dell’anziano Le Cloaguen che ostinandosi a non rivelare nulla, nonostante Maigret lo incalzi per oltre quattro ore nel caldo torrido del suo ufficio, scatena alla fine uno dei famosi attacchi di collera del commissario sotto gli occhi imbarazzati del suo collaboratore Lucas.

Curioso come Lucas cerchi di imitare il suo capo vestendosi e fumando la pipa come Maigret…

Esempio di recitazione superba di Gino Cervi e di Sergio Tofano da fare impallidire le odierne fiction.

 

Di seguito le puntate integrali.